Vendita monopattini elettrici Milano

Vendita monopattini elettrici Milano

Uno dei motivi  del mancato uso della propria vettura di usare l’auto è  l’inquinamento divenuto troppo alto. Ecco che allora nasce e si incrementa la  Vendita monopattini elettrici Milano.

Facebook   Twitter   Google   Email  

Uno dei motivi  del mancato uso della propria vettura di usare l’auto è  l’inquinamento divenuto troppo alto. Ecco che allora nasce e si incrementa la  Vendita monopattini elettrici Milano.

 

 

è da momenti come questo che si è sviluppato un concetto che ha coinvolto sempre più persone, soprattutto nelle grandi città: quello della mobilità alternativa. cioè trovare tutti quei modi per potersi muovere senza dover usare fonti fossili. se le alternative storiche, andare a piedi o in bicicletta, non hanno ovviamente perso valore, è arrivato in soccorso lo sviluppo sempre più profondo dei motori elettrici.ecco che allora che con l’aiuto di questi nuovi e potenti motori elettrici sono nati tutta una serie di mezzi nuovi. alcuni sono nati da vecchie idee, come quella della bici a motore, altri da concezioni del tutto nuove. il concetto di mobilità alternativa ha fatto nascere un mercato che si sta sviluppando velocemente ed è in grande progresso. monopattini elettrici, ebike e tanti altri modelli stanno spopolando nei centri urbani. in questo articolo abbiamo cercato così di mostrarti i mezzi ideali, tra quelli in commercio, per avviarti alla mobilità alternativa.

  niziamo a esplorare il mondo della mobilità alternativa con il prodotto, se vogliamo, più classico. la bicicletta a motore non è un’idea nuova: il ciao della piaggio è nato nel 1967. più innovativo è sicuramente l’utilizzo di un propulsore elettrico, che ha fatto nascere il concetto di ebike. il primo modello che abbiamo scelto di mostrarti è la bicicletta elettrica di hitway. ha uno stile da bmx, le biciclette da freestyle amate dai ragazzi. infatti ha la canna molto bassa. al suo interno si trova un motore da 250 watt e una batteria da 7,5 ah. questo permette di raggiungere i 25/30 km/h di velocità massima. ottimo il sistema frenante, fatto da doppio disco sia anteriore che posteriore. inoltre sono presenti due modalità: pedalata assistita oppure totale affidamento al motore.

ma il suo punto forte sono le dimensioni compatte, e la possibilità di ripiegare facilmente la bici per metterla ovunque il design del secondo modello di ebike che ti vogliamo mostrare è molto più classico del precedente. la nilox j1, infatti, assomiglia a una delle mitiche “grazielle” che riempiono le città italiane dagli anni ‘60. ma non c’è da farsi ingannare: dietro allo stile retrò si nasconde un prodotto innovativo. infatti nella canna di questa j1 è nascosto un motore da 250 watt che si adagia perfettamente sullo stile di pedalata di chi la guida. la pedalata assistita si attiva con un semplice tasto sul manubrio. la batteria si ricarica in 3 ore e garantisce un’autonomia minima di 25 chilometri. ci sono tre velocità disponibili, che potrai scegliere sul display a led sul manubrio. come ogni graziella, poi, ha il cesto anteriore e posteriore. inoltre, è anche pieghevole. l’ultimo modello di ebike che ti vogliamo mostrare ha una firma veramente d’autore.

momo è uno dei grandi marchi storici del design automobilistico e motociclistico italiano. azienda nata per produrre modelli per le competizioni, momo continua fino a oggi a fare scuola con il suo stile all’avanguardia. ora è entrata anche nel mercato della mobilità alternativa. la momo design venezia non fa eccezione. ha un design veramente bello. tutta nera, dal colore leggermente lucido, con l’iconica scritta momo in bianco sulla canna. ma non è un caso di tutto fumo e niente arrosto. il motore ha grande tenuta, tira con dovizia anche in salita. la velocità massima è limitata a 25 km/h, ma non ci sono problemi a raggiungerla. e col cambio a 6 marce si può gestire l’andatura come si vuole. la batteria ricaricabile in 3 ore garantisce fino a 45 chilometri di autonomia. è dotata di molti comfort, dalla modalità camminata assistita a una partenza fulminea dopo un solo quarto di rotazione del pedale.

Lascia un commento